Chi Siamo - Miracle - produzione e vendita di gadget, corni, portafortuna, pulcinella in ceramica e articoli da regalo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Miracle


Nasce per hobby, nel 1997, una grande passione per l'arte e la manualità, che man mano si perfeziona, fino a rendersi conto che potrebbe diventare qualcosa in più, un qualcosa che potrebbe piacere, interessare, incuriosire, arredare.
E' così che nascono le prime maschere da arredamento, tutte titolate ad una espressione, uno stato d'animo, una similarità del risultato artistico con un evento di vita vissuta.

E poi l'evoluzione, cartapesta, stoffe, ceramica, legno, e così via, fino ad affinarsi ed a curare anche i piccoli particolari, per i più, insignificanti, ma di grande indirizzo per gli intenditori.
Cresce poi la passione per l'amuleto, il portafortuna, che sia vero o no, ha poca importanza; i nostri soggetti, accuratamente realizzati a mano, assolutamente in ceramica e cristallo swarovsky, rallegrano e arredano nelle versioni più grandi.
Miracle non ha pretese di innovazione, ma di unicità; ogni nostro oggetto è prodotto in numero limitato o, addirittura in un unico soggetto per le opere più pregiate.



Recensioni


La scaramanzia, si sà, è una componente delle tradizioni e del folclore di tutti i popoli, dall’estremo nord all’estremo sud del mondo. Nella sua accezione più ampia indica tutte le credenze e le pratiche che l’esperienza scientifica dichiara irrazionali, ma che continuano a sopravvivere in ampi margini della popolazione. Rappresenta un modo di esorcizzare le paure umane, prescindendo dalla razionalità e dalla cultura, per oltrepassare il confine della magia.

Le pratiche scaramantiche sono comunque costruttive ai fini dell’evoluzione antropologica, e sono da interpretarsi con la giusta ironia perché fanno pur sempre parte di quel bagaglio che permette all’umanità di guardare all’orizzonte della conoscenza.  

Tra i diversi modi di “mostrare” la scaramanzia, quello attraverso l’arte è certamente il percorso più naturale. Già l’uomo preistorico usava rappresentare, con le sue pitture rupestri, forme con alto valore simbolico: sciamani, animali totemici di forte valenza magica facevano pensare che le stesse immagini potessero propiziare favorevolmente la realtà.  Creazioni nate dalla fantasia dell’uomo per l’uomo. Ecco, proprio l’arte artigiana è quella che si presta meglio ad interpretare il senso scaramantico della vita.
La scaramanzia e le antiche credenze popolari vengono così reinterpretate da ogni artista cercando di rompere gli schemi abituali e creare una situazione d’attesa. Via libera allora a corni, specchi rotti, monacielli, ferri di cavallo, streghe e materiali portafortuna. Gli artisti/artigiani evocano mondi surreali ma allo stesso tempo possibili, e interpretano la scaramanzia secondo la loro età e la loro esperienza. Si va perciò dalla scultura a forma di gufo con copricapo religioso, alle forme più impensabili di corni, dalla “Strega d’inverno”; alle terracotte con ferri di cavallo all’acciaio e al corallo. Senza dimenticare i mosaici, le ceramiche, i metalli e i gioielli.  L’uomo diventa, in questo modo, artigiano della propria sorte, giungendo, paradossalmente, ad un punto di arrivo opposto a quello della valenza scaramantica.


Il cornetto


Il corno portafortuna è, senza dubbio, il più diffuso amuleto italiano. Le sue origini sono antichissime e risalgono addirittura ai tempi del Neolitico (3500 A.C.), quando gli abitanti delle capanne usavano apporre fuori dall' uscio un corno come auspicio di fertilità.  
Specialmente in quei tempi la fertilità veniva associata alla fortuna in quanto, più un popolo era fertile, più era potente e quindi fortunato.
In altri tempi i corni venivano usati come doni votivi alla Dea Iside, affinché la Dea Madre assistesse gli animali nel procreare.  
La mitologia ci informa che Giove donò alla sua nutrice un corno in segno di gratitudine, questo corno era dotato di virtù magiche in modo che, la nutrice, potesse ottenere tutto ciò che desiderava.  
Il corno trae le sue origini per via della forma, si pensa infatti che gli oggetti a punta, specialmente se aventi forma di corno, difendono da cattive influenze e malasorte se portati con sè.  
Si dice che il corno per portare fortuna deve essere ROSSO e FATTO a MANO.  Rosso perchè già nel Medioevo ogni talismano rosso aveva doppia efficacia e il rosso simboleggiava la vittoria sui nemici.

Già nei tempi più antichi diverse popolazioni associavano al colore rosso un significato di fortuna e buon auspicio.
In Cina e Germania dove tutti gli editti ed i sigilli imperiali erano rossi in segno di buona fortuna.  
Nelle Indie dove i raccolti venivano protetti con teloni rigorosamente rossi e strisce di tela dello stesso colore venivano portate sul collo per prevenire i mali.  

Gli antichi medici suggerivano che abiti rossi potessero guarire i reumatismi dove ogni mezzo aveva fallito. L'efficacia di tutti questi rimedi ed altri ancora non stanno nei vari materiali utilizzati ma, solo ed esclusivamente, nel colore rosso.
Il motivo per il quale il corno deve essere fatto a mano sta invece nel fatto che ogni talismano fatto a mano acquisisce poteri benefici dalle mani che lo producono.

La nostra Azienda, per quanto piccola ed a conduzione familiare,  produce in proprio gran parte dei suoi prodotti; ciò che viene acquistato, onde favorire lo sviluppo economico in Italia ed in Campania in particolare, viene prodotto da aziende satelliti che privilegiano, come la nostra, l'artigianalità e la manualità.
Al contrario di altre aziende, ben più rinomate e diffuse della nostra, ci vantiamo di non rcevere e di non averlo mai richiesto, alcun finanziamento o sovvenzione ne italiana ne europea, e di essere arrivati dove siamo col solo ausilio delle proprie forze e delle idee innovative.

Grazie

 
Torna ai contenuti | Torna al menu